Il conto dei giorni

Il conto dei giorni

 

A martello suona il tempo che grida

La fuga irreparabile dell’ora.

Il secco scalpitare del rintocco

calato dalla torre campanaria

preme a onde la corsa della vita,

scandisce arcani dolorosi suoni,

di perdite e profitti chiede il conto,

di talenti fruttuosi o sotterrati.

 

(Ma tu calmati, cuore!)

Ed a me stesso

adolescente ingiunsi di provare

ogni brano di questa breve corsa

per coglierne i sentori, e di allentare

le corde degli affetti. Era l’età

del  sapias, vina liques, carpe diem,

dell’umanistica ebbrezza. Sapore

avevano le donne d’albicocca,

un fuoco divorava a riga a riga

le parole sul foglio della vita,

la terra sussultava sotto il cielo,

il sole rosso s’abbassava a mare,

mentre l’onda brucava la sua sabbia.

 

Ma quasi mai ho mantenuto fede

al mio proposito. Disse un poeta:

Confesso che ho vissuto; e un altro: Vissi

al cinque per cento, non aumentate la dose.

Quanto io abbia vissuto

ignoro. Ma del tempo che rimane

ruminerò con gran dolcezza il pane.

 

BALESTRIERE Pasquale,   Barano d’Ischia, (NA)

 
152878
Oggi
Ieri
Questa settimana
Settimana scorsa
Questo mese
Ultimo mese
Totali
20
46
84
138698
211
1282
152878

Free business joomla templates

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la Normativa sui Cookie. Maggiori informazioni